Offenbach

Offenbach, artefice del proprio successo

Affermare che Offenbach e Francoforte siano vicini che intrattengono rapporti amichevoli, non corrisponde esattamente alla realtà. Si tratta di un'antica rivalità, che trova espressione in battute salaci e nella convinzione che l'esistenza dell'altra città sia il risultato di un brutto scherzo da parte della storia. Ciò vale soprattutto quando si parla di calcio.

Cultura industriale e artigianato

Alcuni abitanti di Offenbach sono ancora convinti che esistano documenti antichi a conferma del fatto che in passato Francoforte apparteneva a Offenbach. Ciò non è stato dimostrato ma è evidente che Offenbach e Francoforte sono due città completamente diverse tra loro. Diversamente da Francoforte, nel corso degli anni Offenbach è diventata un centro della cultura industriale borghese, come testimoniato dai diversi musei cittadini. Ad esempio, il museo della pelle illustra il ruolo di Offenbach come importante centro di lavorazione della pelle. Il museo Klingspor contiene invece diverse testimonianze dell'arte della calligrafia e della tipografia, con lavori di Peter Behrens e l'opera Manuale tipografico del famoso tipografo Bodoni. Il pezzo forte del museo è la collezione di Karl Klingspor e di Siegfried Guggenheim, originario di Offenbach ed emigrato a New York nel 1938, un altro nome importante legato alla storia della città. L'arte della litografia venne inventata a Offenbach nel 1800 e da allora la città è un centro importante del settore grafico. Grazie al famoso istituto di design e alle 900 aziende operanti nel settore del design, della grafica, della stampa e del cinema Offenbach è diventata uno dei principali centri creativi della Germania.

Previsioni del tempo e ospiti illustri

Per lavorare nel centro meteorologico tedesco, che dal 1952 risiede a Offenbach, non è richiesta molto creatività, ma una buona dose di precisione. Non dimenticate di visitare il parco meteorologico che include una zona ricreativa, un parco a tema e un museo all'aperto.

Artisti illustri come Niccolò Paganini e Wolfgang Amadeus Mozart visitarono a più riprese Offenbach: il primo per comprare le corde per il proprio violino prodotte in città e il secondo per visitare il proprio editore. Il motivo delle visite di Goethe era invece un altro: la sua fidanzata viveva a Offenbach. Gli spazi espostivi di Offenbach, tra cui il museo Rosengarten dedicato all'arte contemporanea, lo splendido quartiere dei primi anni del diciannovesimo secolo, il castello Isenburger, uno degli edifici rinascimentali più importanti costruiti a nord delle Alpi, chiese imponenti e ampi parchi sono i motivi per cui vale sempre la pena di visitare Offenbach.

Scoprite la destinazione vacanze Germania sulla cartina

Aggiungete i vostri preferiti. Salvate, ordinate, condividete e salvate la vostra selezione e programmate tutto il vostro viaggio in Germania.

0 preferiti selezionati