Un apporto decisivo alla vita musicale: Felix Mendelssohn-Bartholdy
Un apporto decisivo alla vita musicale: Felix Mendelssohn-Bartholdy
Felix Mendelssohn Bartholdy ©Mendelssohn-Haus Leipzig

Un apporto decisivo alla vita musicale: Felix Mendelssohn-Bartholdy

Felix Mendelssohn-Bartholdy (1809-1847) subì diffamazioni antisemite mentre era ancora in vita. I nazisti infine vietarono le sue opere, cercando però invano dei "sostituti" per il suo Concerto per violino e il "Sogno di una notte di mezza estate".

Mendelssohn è cresciuto a Berlino, la città di sua madre, che era predisposta alla musica. In qualità di "bambino prodigio" da giovanissimo ha potuto suonare il pianoforte per il celebre poeta Goethe. A 17 anni scrisse già il suo capolavoro, l'ouverture del "Sogno di una notte di mezza estate". All'epoca la famiglia viveva nella Leipziger Straße 3, nell'edificio che in seguito divenne la Camera dei Signori di Prussia e che oggi è la sede del Bundesrat a Berlino.

Il pianista, compositore e direttore effettuò numerose tournée, tra l'altro a Londra, Parigi e in Italia. Fu direttore musicale a Berlino e Düsseldorf, collaborò al Gewandhaus di Lipsia e all'associazione Cäcilien-Verein di Francoforte. Apportò stimoli importanti alla vita musicale tedesca: nel 1829, dopo quasi 90 anni, eseguì nuovamente (a Berlino) la Passione secondo Matteo di Bach, nel 1843 fondò il primo conservatorio della Germania (a Lipsia).

I luoghi commemorativi di Felix Mendelssohn e della sua talentuosissima sorella Fanny si trovano principalmente a Berlino e a Lipsia, ma anche nella sua città natale Amburgo. Il museo all'interno del Mendelssohn-Haus di Lipsia, invece, ricorda l'ultima abitazione del compositore. Felix e Fanny Mendelssohn, morti lo stesso anno, sono sepolti a Berlino.

Scoprite la destinazione vacanze Germania sulla cartina

Aggiungete i vostri preferiti. Salvate, ordinate, condividete e salvate la vostra selezione e programmate tutto il vostro viaggio in Germania.

0 preferiti selezionati