Stuttgart, Weissenhof Estate, single-family dwelling and pair of semi-detached houses by Le Corbusier and Pierre Jeanneret
Stuttgart, Weissenhof Estate, single-family dwelling and pair of semi-detached houses by Le Corbusier and Pierre Jeanneret ©Weissenhofmuseum im Haus Le Corbusier (Brigida González)
Tutti i siti del patrimonio dell'UNESCO dalla A alla Z

L'opera di Le Corbusier – le abitazioni del quartiere Weissenhof

Dare uno sguardo al futuro: impossibile. Eppure, chi nel 1927 osservava il nuovo quartiere Weissenhof a Stoccarda si ritrovava catapultato nel XXI secolo, tanto erano avveniristici sia il concetto che l'architettura. Nel luglio 2016 due edifici di questo quartiere, progettati da Le Corbusier, sono stati dichiarati patrimonio dell'umanità dall'UNESCO.

Charles-Édouard Jeanneret-Gris (1887-1965), meglio conosciuto come Le Corbusier, è stato, nella sua veste di architetto, urbanista e designer, un ideologo e un precursore dell'età moderna. Il termine "archistar" avrebbe potuto essere coniato per lui: in tutto il mondo, infatti, le sue opere sono ancora oggi icone di un'epoca, uno stile di vita e una mentalità nuovi. Nell'elenco dei patrimoni dell'umanità sono state inserite ben 17 delle sue opere; la richiesta è stata presentata congiuntamente da sette Paesi in tre continenti.

Nettamente in anticipo sui tempi

Il quartiere Weissenhof, chiamato anche quartiere Werkbund, rappresentò un enorme laboratorio avveniristico: sotto la direzione di Ludwig Mies van der Rohe vennero infatti eretti 33 edifici, dei quali oggi ne rimangono solo undici. Al pari della "Maison Citrohan", la villetta bifamiliare di Le Corbusier era, ed è tutt'ora, uno dei suoi progetti più spettacolari: ariosa e leggera, poggia su sottili pilastri che la rendono rigorosa ed elegante al tempo stesso, con un'ampia terrazza sul tetto, all'epoca un lusso inaudito, spazi abitativi suddivisibili in modo variabile e cucina componibile ergonomica.

Viaggio a ritroso nel tempo nel Museo Weissenhof

Il primo piano della villetta bifamiliare ospita oggi il Museo Weissenhof, un'affascinante istantanea dell'esposizione organizzata dall'associazione tedesca Werkbund nel 1927. Suddivisione degli spazi, colori e addirittura parti dell'arredamento rispecchiano esattamente l'originale e mostrano in maniera eloquente perché Le Corbusier è considerato uno degli architetti più importanti del XX secolo.

Informazioni e servizi

Orari di apertura

Ma - Ve : dalle 11 - alle 18

Sabato, domenica : dalle 10 alle 18

Visite guidate

Visite guidate pubbliche e su prenotazione

Per le prenotazioni di viste guidate rivolgersi al seguente numero di telefono: +49 711-2579187

Contatti

www.stuttgart.de/weissenhof/

L'opera di Le Corbusier a Stoccarda appartiene all'itinerario dell'UNESCO "Spiritualità e accoglienza", tra le altre tappe ricordiamo:

Altre città che meritano una visita:

Panoramica dell'itinerario "Spiritualità e accoglienza"

Accessibilità senza barriere

Due utili combinazioni di tasti per zoomare nel browser:

Ingrandire: +

Ridurre: +

Per ulteriore assistenza fare clic sull'icona del fornitore del browser: