Rovine della fortezza Rechberg, corte interna
Rovine della fortezza Rechberg, corte interna ©Tourismusgemeinde Stauferland e.V.
Strade a tema dalla A alla Z
La Strada degli Hohenstaufen

Strada degli Hohenstaufen – Alla scoperta della scena medievale mondiale

Benvenuti sulla Strada degli Hohenstaufen. L'itinerario lungo circa 340 chilometri, ben segnalato e piacevole da percorrere, tocca Fils, Rems, Schurwald e il Kaltes Feld, un rilievo isolato che si trova su un altopiano della regione sveva Albvorland. La famiglia degli Hohenstaufen ebbe origine tra Schwäbisch Gmünd, Göppingen e Heidenheim. Si tratta dei nobili svevi più importanti e influenti dell'intero medioevo.

Tant'è che esiste una strada a loro dedicata. Questa racconta la storia di questa potente dinastia e accompagna i visitatori sulle sue tracce in una regione avvolta nel mito, con l'emblema dei "Drei Kaiserberge", ovvero i tre rilievi Hohenstaufen, Rechberg e Stuifen. Questo trio domina il paesaggio a grande distanza.

Dove tutto ebbe inizio

Gli Hohenstaufen erano una dinastia di duchi, re e imperatori che regnò su oltre mezza Europa. Grazie a Federico I di Svevia, che accompagnò l'imperatore Enrico IV a Canossa e poco dopo ricevette il titolo nobiliare, gli Hohenstaufen salirono alla ribalta della scena politica negli anni 1076/77. Furono soprattutto due rappresentanti della famiglia a lasciare il segno nella storia tra il 1150 e il 1250: l'imperatore Federico Barbarossa e suo nipote Federico II.

Gli stessi Hohenstaufen resero omaggio al proprio potere

Questa casata, una delle più potenti d'Europa, sapeva come trattarsi bene già oltre 800 anni fa. La fortezza natale della famiglia Hohenstaufen (684 m) sembra raccontare ancora oggi la storia di un'epoca straordinaria. Persino l'imperatore Barbarossa soggiornò in questo edificio dalle possenti mura, che è giunto quasi intatto fino ai giorni nostri ed è visitabile nello Wäscherschloss di Wäschenbeuren. Il monastero di Lorsch, costruito in stile romanico come luogo di sepoltura degli Hohenstaufen e a lungo luogo di importanza spirituale, espone un imponente dipinto lungo 30 metri e alto 4,5 metri che narra i 200 anni della storia della famiglia.

Luogo di pace e riposo già per re e imperatori

Questo itinerario attraversa uno dei più bei paesaggi della regione Ostalb, come la mitica valle "Wental", la bizzarra conca "Eselsburger Tal" e l'avvallamento "Steinheimer Becken", formatosi in seguito alla caduta di un meteorite. Seguendo il percorso è possibile visitare chiese e monasteri romanici, grotte e rocce dalle forme bizzarre, palazzi reali, rovine delle fortezze Hohenstaufen, il tutto integrato nel paesaggio in maniera armoniosa. E vanno ricordate anche Schwäbisch Gmünd e Bad Wimpfen, due città che acquisirono fama e ricchezza sotto la guida della blasonata famiglia.

Strada degli Hohenstaufen

Lunghezza: circa 340 km

Temi: Hohenstaufen, storia, cultura

Attrazioni principali:
Adelberg: monastero
Bad Boll: collegiata
Dischingen: fortezza Katzenstein
Giengen: grotte Charlottenhöhle, museo Steiff
Göppingen: castello Hohenstaufen, museo
Hohenstaufen: chiesa di Barbarossa, fortezza natale degli Hohenstaufen, centro di documentazione
Lauterstein: castello Weissenstein
Lorsch: monastero
Oberstotzingen: maniero, castello
Schwäbisch-Gmünd: impronta urbanistica degli Hohenstaufen
Wäschenbeuren: castello Wäscherschloss

www.stauferland.de

Accessibilità senza barriere

Due utili combinazioni di tasti per zoomare nel browser:

Ingrandire: +

Ridurre: +

Per ulteriore assistenza fare clic sull'icona del fornitore del browser: