Le persone al fianco di Lutero: la moglie, i riformatori, i pensatori e un principe

Soprattutto due persone rimasero sempre accanto a Lutero: Katharina von Bora, sua moglie, e Philipp Melanchthon, l'intellettuale di Bretten, che diventò famoso come il "precettore della Germania".

È normale che la Riforma sia associata al nome di Martin Lutero, tuttavia essa non è il frutto dell'impegno di una sola persona. Furono molti coloro che accompagnarono Lutero nel suo lavoro: uomini importanti e coraggiosi e una donna, Katharina von Bora, nata il 29 gennaio 1499. Figlia di una famiglia nobile impoverita, Katharina trascorse la propria infanzia in convento. Nel 1523 scappò e trovò rifugio presso Lucas Cranach il Vecchio, un caro amico di Lutero. Nel 1525 Katharina von Bora e Martin Lutero si sposarono e si trasferirono nell'ex convento agostiniano a Wittenberg. Katharina si occupava delle faccende domestiche, gestiva le finanze, amministrava una fattoria, una birreria ed un allevamento ittico. Martin Lutero la chiama scherzosamente "il mio capo Käthe", a dimostrazione che era lei in casa a portare i pantaloni. Morì il 29 dicembre 1552 a Torgau. Allora Philipp Melanchthon era la figura di riferimento della Riforma. Quando Lutero era ancora vivo, Melanchthon era già un teorico e vantava contatti con i principi e gli studiosi più importanti d'Europa. Quando Melanchthon morì il 19 aprile 1560 a Wittenberg, l'università dovette assumere tre nuovi professori che continuassero il suo lavoro. Morì due anni e un giorno dopo la scomparsa di Johannes Bugenhagen, confessore ed amico di Lutero, che aveva conosciuto nel 1521. Nel 1523 Lutero nominò Bugenhagen parroco della chiesa cittadina, rendendolo così il primo pastore protestante di Wittenberg. Lutero continuò a vivere indisturbato grazie al proprio benefattore, Federico il Saggio, che nel 1519 si rifiutò di consegnarlo a Roma e che nel 1521 intervenne presso l'imperatore per garantire la sicurezza di Lutero nell'ambito della dieta di Worms. Il principe protesse Lutero per tutta la sua vita, consentendo così la realizzazione della Riforma, ciononostante si convertì al nuovo credo solo poco prima di morire. Un importante testimone, anche se non a contatto diretto con Lutero, fu Giovanni Calvino, che nel nome della Riforma istituì a Ginevra un regime del terrore a partire dal 1539. Sempre in Svizzera operò Ulrico Zwingli che aveva conosciuto Lutero nel 1529.

Scoprite la destinazione vacanze Germania sulla cartina

Aggiungete i vostri preferiti. Salvate, ordinate, condividete e salvate la vostra selezione e programmate tutto il vostro viaggio in Germania.

0 preferiti selezionati