• 0
Foreste, prati, storia industriale: Ratingen

Foreste, prati, storia industriale: Ratingen

Ratingen è una delle quattro antiche capitali della regione Bergisches Land e il 75 percento della superficie urbana è coperta da foreste, i campi e i parchi: questa vivace città è un vero e proprio polmone verde tra Reno, Ruhr e Wupper. Un'eccezionale esperienza tra natura, cultura e storia industriale per cui vale proprio la pena fare una pausa.

Città piena di orgoglio.

Già nel 1276 Ratingen ricevette i diritti civici dalle mani del duca di Berg ed è quindi ancora più antica della sua vicina Düsseldorf. Va da sé che i cittadini di Ratingen sono molto fieri della propria città, il cui imponente sistema di mura, i maestosi edifici e la splendida piazza del mercato sono una testimonianza evidente del ruolo ricoperto dalla città fin dal nono secolo. Le attrazioni principali sono i castelli "Haus zum Haus" e Linnep, costruiti sull'acqua, il castello Landsberg e la chiesa dei SS. Pietro e Paolo, tutti edifici risalenti dal dodicesimo e tredicesimo secolo, la casa a graticcio "Zum Roten Hahn" e lo stabilimento tessile Cromford del 1783, una filanda di cotone meccanizzata, considerata la prima fabbrica costruita sul continente europeo e quindi un monumento di estrema importanza per la storia industriale.

Museo delle bambole e una collezione d'arte di fama mondiale

Gli abitanti di Ratingen sono molto soddisfatti anche dell'offerta culturale e per il tempo libero della propria città. Il teatro cittadino rappresenta la cornice perfetta per gli spettacoli di diverse compagnie famose, il festival "Zelt Zeit" è il punto di incontro ideale per gli artisti e la cultura locale, mentre in estate il teatro all'aperto sul lago Blauer See diventa un punto di incontro molto amato. Il museo delle bambole espone stupendi modelli prodotti in Germania e in Francia del 1850. La bambola Luise vi accompagnerà durante la vostra visita, spiegandovi in maniera interessante come vivevano le nostre nonne e bisnonne. Il motto adottato dalla collezione d'arte della città è "Alla ricerca della vita segreta" e gli artisti in esposizione sono di fama mondiale. Tra i più importanti ricordiamo Joseph Beuys, Arnulf Rainer, Antoni Täpies, Cy Twobly, Ugo Dossi, Julian Schnabel e Christian Ludwig Attersee.

Anche il museo Kunstweg (letteralmente: la via dell'arte) di Ratingen merita una visita. Esso infatti persegue l'ambizioso obiettivo di creare nuovi legami all'interno dell'area culturale compresa tra Düsseldorf, la provincia di Mettmann e i Paesi Bassi. La via dell'arte attraversa tutta l'area urbana di Ratingen, dal parco ricreativo Volkardeya a ovest alla valle Angertal ad est, con Neviges, famosa meta di pellegrinaggi, e la valle di Neandertal, un luogo di eccezionale importanza per la storia dell'umanità. Il percorso è lungo undici chilometri e attraversa paesaggi molto diversi tra loro, a cui dieci artisti fanno riferimento mediante le proprie sculture.

Eventi

The fact that Düsseldorf, North Rhine-Westphalia's region capital, has an art museum of international renown today is thanks to the former Elector Palatine Johann Wilhelm II, who began to build an art gallery here in 1710. A generous patron, he was able to bring numerous artists to the court and transformed the city into a European centre for art. Although the Kunstpalast Museum itself was only founded in 1913, it would not be what it is today had the Elector not been such a passionate collector of art.

The museum underwent two major renovations to reach its current form – from 1925 to 1926 to plans by architect Wilhelm Kreis and in 1999/2000 to plans by Oswald Mathias Ungers. The building now provides an exceptional setting for its painting collection, which focuses on Old Masters, paintings of the 19th century and the modern age and paintings and sculptures from the Middle Ages to the present day. These works are complemented by arts and crafts, design, graphic art and a renowned glass collection. Among the collection's masterpieces are 'The Ill-matched Pair' by Lucas Cranach the Elder, 'Landscape with Tobias and the Angel' by Jan van Scorel, 'Flight into Egypt' and the famous 'Cross on the Mountain' by Caspar David Friedrich. The section on Modernism features important works from the early 20th century by Paula Modersohn-Becker, Wassily Kandinsky, Walter Ophey, Franz Marc, August Macke, Otto Dix, Emil Nolde and Ernst Ludwig Kirchner.

Prossimi appuntamenti:

19.05.2019 - 01.09.2019

Luogo della manifestazione

Museum Kunstpalast
Ehrenhof 4
40479 Dusseldorf

Le indicazioni di prezzo, date e orari di apertura non sono vincolanti.

Manifestazioni & eventi

Cerca eventi
(in tedesco e inglese)
Altri criteri di ricerca
Ripristina tutti