• 0
Tutti i siti del patrimonio dell'UNESCO dalla A alla Z
A
  • A
  • B
  • C
  • D
  • E
  • F
  • G
  • H
  • I
  • J
  • K
  • L
  • M
  • N
  • O
  • P
  • Q
  • R
  • T
  • U
  • V
  • W
  • X
  • Y
  • Z
L'opera di Le Corbusier – le abitazioni del quartiere Weissenhof

L'opera di Le Corbusier – le abitazioni del quartiere Weissenhof

Dare uno sguardo al futuro: impossibile. Eppure, chi nel 1927 osservava il nuovo quartiere Weissenhof a Stoccarda si ritrovava catapultato nel XXI secolo, tanto erano avveniristici sia il concetto che l'architettura. Nel luglio 2016 due edifici di questo quartiere, progettati da Le Corbusier, sono stati dichiarati patrimonio dell'umanità dall'UNESCO.

Charles-Édouard Jeanneret-Gris (1887-1965), meglio conosciuto come Le Corbusier, è stato, nella sua veste di architetto, urbanista e designer, un ideologo e un precursore dell'età moderna. Il termine "archistar" avrebbe potuto essere coniato per lui: in tutto il mondo, infatti, le sue opere sono ancora oggi icone di un'epoca, uno stile di vita e una mentalità nuovi. Nell'elenco dei patrimoni dell'umanità sono state inserite ben 17 delle sue opere; la richiesta è stata presentata congiuntamente da sette Paesi in tre continenti.

Nettamente in anticipo sui tempi

Il quartiere Weissenhof, chiamato anche quartiere Werkbund, rappresentò un enorme laboratorio avveniristico: sotto la direzione di Ludwig Mies van der Rohe vennero infatti eretti 33 edifici, dei quali oggi ne rimangono solo undici. Al pari della "Maison Citrohan", la villetta bifamiliare di Le Corbusier era, ed è tutt'ora, uno dei suoi progetti più spettacolari: ariosa e leggera, poggia su sottili pilastri che la rendono rigorosa ed elegante al tempo stesso, con un'ampia terrazza sul tetto, all'epoca un lusso inaudito, spazi abitativi suddivisibili in modo variabile e cucina componibile ergonomica.

Viaggio a ritroso nel tempo nel Museo Weissenhof

Il primo piano della villetta bifamiliare ospita oggi il Museo Weissenhof, un'affascinante istantanea dell'esposizione organizzata dall'associazione tedesca Werkbund nel 1927. Suddivisione degli spazi, colori e addirittura parti dell'arredamento rispecchiano esattamente l'originale e mostrano in maniera eloquente perché Le Corbusier è considerato uno degli architetti più importanti del XX secolo.

Informazioni e servizi

Orari di apertura

Ma - Ve : dalle 11 - alle 18

Sabato, domenica : dalle 10 alle 18

Visite guidate

Visite guidate pubbliche e su prenotazione

Per le prenotazioni di viste guidate rivolgersi al seguente numero di telefono: +49 711-2579187

Contatti

www.stuttgart.de/weissenhof/

L'opera di Le Corbusier a Stoccarda appartiene all'itinerario dell'UNESCO "Spiritualità e accoglienza", tra le altre tappe ricordiamo:

Siti patrimonio dell'UNESCO:

Altre città che meritano una visita:
Panoramica dell'itinerario "Spiritualità e accoglienza"
Eventi

The collections at the State Gallery in Baden-Württemberg's regional capital Stuttgart have been shaped by their roots in Württemberg's history but also by the international approach the gallery has adopted since the Second World War. Opened as the Museum of Fine Arts in 1843, the gallery became the New State Gallery in 1984, occupying a striking new building designed by British architect and Pritzker prize winner James Stirling.

The New State Gallery houses a collection of international standing that spans eight centuries. Art from 1800 to 1900 and works from the 20th century provide the main areas of focus. The 19th century is featured in paintings by Caspar David Friedrich, Anselm Feuerbach, Édouard Manet, Pierre-Auguste Renoir, Camille Pissarro, Claude Monet and Paul Cézanne. From the 20th century there are outstanding individual works and important ensembles by Paul Klee, Max Beckmann, Pablo Picasso, Oskar Kokoschka, Willi Baumeister, Oskar Schlemmer, Hans Arp, Georg Baselitz and Anselm Kiefer. Post-1945 art is also represented by works of International Abstraction, Pop Art, Concept Art, Minimalism, Land Art and new movements that have emerged since 1980.
The collection is complemented by works from earlier periods, from Old German Paintings from 1300 to 1550, Italian paintings from 1300 to 1800, Dutch paintings from 1500 to 1700 – including works by Rubens and Rembrandt – through to German paintings of the baroque era.
The Department of Prints and Drawings includes examples from every country in Europe and every artistic era since the Middle Ages.

Prossimi appuntamenti:

11.10.2019 - 02.02.2020

Luogo della manifestazione

Staatsgalerie Stuttgart
Konrad-Adenauer-Straße 38
70173 Stuttgart

Le indicazioni di prezzo, date e orari di apertura non sono vincolanti.

Manifestazioni & eventi

Cerca eventi
(in tedesco e inglese)
Altri criteri di ricerca
Ripristina tutti