Ludwigshafen

Ludwigshafen: la chimica incontra l'amore per l'arte

Ludwigshafen non è l'unica città sul Reno che deve il proprio sviluppo all'industria chimica, che è nata dalla fusione di piccoli insediamenti, che ha fatto il proprio ingresso nella storia solo nel XIX secolo per poi conquistarsi una nuova identità grazie all'arte e alla cultura. Ma come tutte queste città, Ludwigshafen è una meta interessante, dal carattere urbano ma anche ricca di spazi verdi, con una storia avvincente e un fascino del tutto particolare.

Baviera, Baden o Palatinato? Nel caso di Ludwigshafen non è mai stato molto chiaro. Nel 1811 sul fiume venne costruita una banchina per far attraccare le navi. Dopo il Congresso di Vienna del 1815, la parte di Palatinato a sinistra del Reno venne annessa alla Baviera e in onore del re bavarese Ludovico I la città venne ribattezzata Ludwigshafen. Nel 1859 Ludwigshafen venne riconosciuta ufficialmente come città e nel 1865 arrivò la BASF: l'azienda era stata appena fondata come fabbrica di soda e anilina del Baden, ma non era riuscita a ottenere un terreno su cui costruire i propri stabilimenti a Mannheim, pertanto si trasferì a Ludwigshafen, che nel frattempo era ritornata a far parte del Palatinato. Oggi Ludwigshafen ha lasciato alle proprie spalle il ruolo di centro della chimica e si presenta come una città schietta, amante dell'arte e accogliente, in cui si vive bene. Ma anche con un panorama gastronomico alquanto vivace, soprattutto nel quartiere più antico della città, Hemshof. E una volta terminato il giro della Rhein-Galerie, con i suoi circa 130 negozi e ristoranti o del centro commerciale con cinema Walzmühle, la piazza Ludwigsplatz al centro di Ludwigshafen vi aspetta per un momento di relax all'ombra dei suoi platani slanciati.

Grazie ai numerosi capolavori sparsi per la città, come la famosa "Scala infinita" dello scultore svizzero Max Bill, Ludwigshafen è un vero e proprio museo di arte moderna. Il museo Wilhelm Hack, che ospita la famosa parete di Mirò e un patrimonio di oltre 9.000 opere d'arte, vanta una fama internazionale. Nato grazie a una dotazione del commerciante Wilhelm Hack, è diventato il museo dedicato all'arte del XX e XXI secolo più importante del Land Renania-Palatinato. Ludwigshafen rende omaggio a uno dei suoi cittadini più celebri nel centro Ernst Bloch all'interno dell'ex stabilimento industriale Walzmühle, che offre al grande pubblico la possibilità di visitare un'ampia biblioteca e di conoscere l'eredità scientifica di questo grande pensatore. Camminando su una lastra di vetro, è possibile osservare dall'alto la ricostruzione del suo studio. Più al tempo libero che al lavoro è invece dedicato il parco Ebertpark, una vera e propria oasi di relax nel cuore della città con un roseto dai mille profumi, un giardino per i non vedenti e il Quellgarten dalle numerose vasche. Si tratta di un parco dal carattere davvero armonioso, come del resto l'intera città, se non ci si ferma all'apparenza. Ludwigshafen vi aspetta!

Scoprite la destinazione vacanze Germania sulla cartina

Aggiungete i vostri preferiti. Salvate, ordinate, condividete e salvate la vostra selezione e programmate tutto il vostro viaggio in Germania.

0 preferiti selezionati