• 0
Historic Highlights of Germany dalla A alla Z
Augusta: antico splendore e grandi capitali

Augusta: antico splendore e grandi capitali

Augusta, la città di Mozart, è una delle città tedesche più importanti dal punto di vista storico. E una delle più belle. Con un po' di fantasia, passeggiando per la città è possibile immaginare l'importanza che doveva avere Augusta ai tempi della dinastia dei banchieri e commercianti Fugger, come straordinario centro finanziario, metropoli del commercio internazionale e luogo delle arti.

Augusta influì a lungo sulla storia della Germania e dell'Europa. In una certa misura la città era sempre più ricca, sfarzosa e imponente degli altri centri tedeschi. Le fontane sontuose, le rispettabili case delle corporazioni, le splendide chiese e ovviamente il municipio, forse uno degli esempi di architettura profana del periodo rinascimentale più importanti a nord delle Alpi, donano alla città un volto di eccezionale intensità. E anche le epoche artistiche successive hanno lasciato la propria impronta ad Augusta; soprattutto le tracce del barocco, del rococò e, molto più tardi, dello stile liberty rendono speciale qualsiasi passeggiata per le vie della città. Oggi come allora: già durante l'Alto Medioevo i viaggiatori che giungevano ad Augusta rimanevano meravigliati dalle sue splendide chiese, ad esempio il duomo, le cui porte in bronzo sono state costruite quasi mille anni fa, e la basilica St. Ulrich e Afra, dedicata ai due patroni della città. E una fonte di meraviglia era di certo anche la ricchezza della famiglia Fugger, che in sole tre generazioni riuscì ad affermarsi come una potenza mondiale nel mondo finanziario. L'impero commerciale e bancario dei Fugger si estendeva dal mare Adriatico al mare del Nord, dall'Atlantico all'Europa orientale. Con la Fuggerei, le prime case popolari del mondo, e la cappella Fugger nella chiesa di Sant'Anna, Jakob Fugger e i suoi fratelli hanno lasciato in eredità alla città i primi edifici in stile rinascimentale a nord delle Alpi. E se Jakob Fugger divenne famoso per le sue ricchezze fiabesche, suo nipote lo superò di gran lunga: a metà del XVI secolo Anton Fugger era considerato l'uomo più ricco del mondo. È piuttosto probabile che la fama di tali ricchezze avesse risvegliato qualche intento disonesto, tanto che la città era circondata da robuste fortificazioni e da una cerchia di mura di cui è possibile ammirare alcune parti ancora oggi.

All'interno di queste mura si insediarono molti orefici e argentieri che nel corso dei secoli si guadagnarono un'ottima fama. I loro capolavori possono essere ammirati in diversi musei e anche essere acquistati nei numerosi piccoli laboratori ancora presenti in città. Un'altra famiglia è strettamente legata alla città: sono i Mozart. Leopold, il padre di Wolfgang Amadeus ed egli stesso un importante compositore, nacque proprio ad Augusta. Il festival di Mozart, che rinnova ogni anno il proprio appuntamento in maggio, presenta non solo le opere più famose di Leopold e Wolfgang Amadeus, bensì racconta il periodo storico, la famiglia, gli amici, i colleghi e i rivali dei celeberrimi musicisti. Anche nell'ambito del festival teatrale dedicato a Brecht vengono presentati diversi temi della vita di un famoso cittadino di Augusta: una figura a volte difficile, ma di fondamentale importanza per la città. Autore controverso e poco amato in passato, con cui i suoi concittadini sembrano aver fatto pace nel corso degli anni, dedicandogli un museo davvero interessante nella sua casa natale. Altri musei di Augusta offrono una panoramica accurata delle diverse epoche storiche della città, soprattutto lo Schaezlerpalais, capolavoro rococò, che ospita quattro collezioni d'arte di grandissima importanza. Un altro indirizzo celeberrimo di Augusta è il museo del teatro delle marionette Augsburger Puppenkiste, che risveglia sempre splendidi ricordi. E di sera, in uno dei locali accoglienti del centro storico, troverete sempre qualcuno con cui parlare del teatro Augsburger Puppenkiste, di Brecht o di Mozart fino a notte fonda. Oppure dell'8 agosto, l'unica festività ufficialmente riconosciuto che viene onorata in una sola città del mondo: la Festa della Pace di Augusta.

Attrazioni principali delle città

Nel 1516 il ricco commerciante Jakob Fugger fondò il complesso abitativo chiamato Fuggerei. I cittadini che erano caduti in disgrazia ma dimostravano buona volontà venivano accolti nella Fuggerei e ricevevano un appartamento completamente arredato. Con le sue otto strade e le tre porte, il complesso rappresenta una vera e propria città nella città: 67 case a due piani e 147 appartamenti, una chiesa, fontane, mura e portoni che ancora oggi vengono chiusi alle 22:00 dal guardiano notturno. Prendere in affitto un appartamento (spese escluse) cosa ancora quanto il valore nominale del fiorino renano: 88 centesimi di euro.

In questa città ricca di tradizioni non manca il contributo dell'arte moderna: la galleria nazionale di arte moderna ospitata nel Glaspalast, un edificio luminoso con una superficie espositiva pari a 1500 metri quadrati, e H2, il centro per l'arte contemporanea.

Entrambi i musei espongono le proprie collezioni negli spazi di ex edifici industriali e, trovandosi a breve distanza l'uno dall'altro, invitano il visitatore ad intraprendere un lungo viaggio nel mondo della pittura moderna.

Luogo di culto per generazioni, la Augsburger Puppenkiste, con le sue 6.000 marionette e una storia lunga oltre 60 anni, è certamente uno dei teatri più famosi del suo genere. A partire dal 1953 le produzioni per la televisione resero famoso il teatro a livello nazionale e ancora oggi gli spettatori si emozionano assistendo alle avventure del ferroviere Luca e del suo amico Jim Bottone che vivono nel paese immaginario di Speropoli e rivivendo favole famose, come Il brigante pennastorta, Impy e il mistero dell'isola magica, Il gatto Mikeš, Aladino e la lampada magica, Frau Holle e Kasperle. Quello che molti non sanno è che di sera le marionette presentano spettacoli di cabaret, facendo ridere gli adulti con una satira alquanto sagace.

Il museo organizza mostre dedicate alle storia della comunità ebraica di Augusta e della regione circostante nonché a oggetti religiosi e di importanza culturale.

Il museo è di casa nella sinagoga di Augusta, un edificio che combina elementi di architettura liberty, bizantina e moderna costruito tra il 1914 e il 1917. Fu fortemente danneggiata durante la Notte dei cristalli del 1938. Nel 1985 venne ricostruita.

Orari di apertura:

martedì, mercoledì, giovedì, dalle 9:00 alle 18:00, venerdì, dalle 9:00 alle 16:00, domeniche e festivi, dalle 10:00 alle 17:00

Visualizza altri