Ulma

Ulma: connubio felice di tradizione e modernità

Sembra lanciarsi nel cielo in un volo infinito: è la torre del duomo di Ulma, da secoli l'edificio più alto della città. Distrutta in gran parte durante la Seconda Guerra Mondiale, nel periodo postbellico Ulma cercò a lungo una via per ricostruire la città in modo opportuno. Il risultato fu un compromesso felice che diede vita a una città dal volto unico, ristrutturata con cura da una parte e incredibilmente moderna dall'altra.

Il duomo di Ulma, con il "dito di Dio", ovvero il campanile più alto del mondo, domina su tutta la città. E la piazza del duomo, in grado di coniugare edifici tradizionali e moderni, è uno spazio urbano davvero affascinante. Tuttavia, è indubbio che Ulma rappresenti molto di più che il duomo e la piazza antistante. È sufficiente allontanarsi di pochi passi per imbattersi nello splendido municipio: la sezione più antica venne costruita nel 1370 come negozio, nel 1419 l'edificio viene menzionato per la prima volta come municipio e intorno al 1520 venne adornato con l'orologio astronomico riccamente decorato. Nel salone delle scale dell'edificio è possibile ammirare la ricostruzione del velivolo di Albrecht Ludwig Berblinger, il leggendario "sarto di Ulma". Purtroppo i suoi tentativi di volo 200 anni fa non furono ricompensati dal successo: nel giorno della prova decisiva il vento non fu favorevole e l'avventura terminò nelle acque del Danubio. Tuttavia la buona volontà di Berblinger è molto apprezzata ancora oggi. Il fatto che gli abitanti di Ulma si avventurino volentieri alla scoperta di nuove dimensioni, per lo meno a livello intellettivo, lo dimostra anche l'esempio di Albert Einstein, a cui la città diede i propri natali. Nuove dimensioni, per lo meno nell'urbanistica, nascono grazie alla progettazione del nuovo centro cittadino, tra la Münsterplatz e il municipio; edifici vecchi e nuovi danno vita a uno spazio ricco di strepitosi contrasti. In primo luogo ricordiamo l'edificio Stadthaus, opera dell'architetto newyorkese Richard Meier, una pietra miliare dell'architettura moderna che ha riscosso un grande successo a livello internazionale e che rappresenta un punto di incontro ideale con l'arte, la cultura e le persone, ma anche con una città notevole.

Il piano interrato dell'edificio ospita un'interessante mostra permanente dedicata agli aspetti archeologici e storici della piazza del duomo, un contrasto piuttosto forte con l'aspetto stesso dello Stadthaus. Anche il negozio d'ottica "Haus der Sinne", con un caffè al terzo piano e un eccezionale panorama sul duomo, l'edificio della cassa di risparmio, il museo d'arte Weishaupt di Wolfram Wöhr, la piramide di vetro della biblioteca civica di Gottfried Böhm e l'esercizio commerciale "Obere Stube" con la sua facciata mobile puntano su un linguaggio moderno delle forme a pochi passi dal duomo e dal municipio, riscuotendo il plauso unanime degli addetti ai lavori e opinioni contrastanti tra gli abitanti di Ulma. Una passeggiata consente di scoprire il Weinhof, centro dei commerci cittadini per quasi 500 anni, l'antico edificio Steinhaus, la cappella romanica dedicata a San Nicolò, risalente al 1220, e l'edificio "Schwörhaus" del XVII secolo. Ogni anno si rinnova l'appuntamento con il "Schwörmontag", ovvero la festa di Ulma, con il sindaco che giura sullo statuto cittadino dal balcone del municipio, come stabilito nella "Grande Lettera del Giuramento" (Großer Schwörbrief) del 1397. Altrettanto interessante è la visita al museo di Ulma. La collezione archeologica espone il "Löwenmensch" (uomo-leone), la più antica scultura uomo-animale del mondo risalente a circa 30.000 anni fa e una raccolta di importanti opere d'arte europee e americane realizzate dopo il 1945.

Nel panorama cittadino si distinguono con facilità due torri appartenenti alle antiche fortificazioni cittadine: Gänseturm (torre delle oche) e Metzgerturm (torre dei macellai), costruita nel 1345 e conosciuta come la torre pendente di Ulma. Anche su questo edificio circola uno degli aneddoti tipici di Ulma: questa torre deve il suo nome ad alcuni macellai che allungavano le salsicce con la segatura. Quando i cittadini se ne accorsero, rinchiusero i malfattori nella torre. Si narra che, alla vista del sindaco infuriato, per la paura i macellai si ammassarono in un angolo, provocando l'inclinazione della torre. In realtà la torre pende perché costruita su un territorio paludoso. Non lasciatevi scappare il grazioso quartiere medievale dei pescatori (Fischerviertel), un angolo molto accogliente della città, e i numerosi biergarten di Ulma e Nuova Ulma, la città gemella sulla sponda bavarese del Danubio. Ma ovviamente siete voi a decidere il vostro programma. L'importante è che visitiate Ulma.

Le attrazioni principali
Highlights

Scoprite la destinazione vacanze Germania sulla cartina

Aggiungete i vostri preferiti. Salvate, ordinate, condividete e salvate la vostra selezione e programmate tutto il vostro viaggio in Germania.

0 preferiti selezionati