• 0

Treviri: eredità romana e fascino francese

Treviri, fondata come Augusta Treverorum nell'anno 16 a.C. durante il regno dell'imperatore romano Augusto, non solo è la città più antica della Germania, ma conserva anche importanti testimonianze artistiche e architettoniche del periodo antico. Per rendersene conto è sufficiente osservare la Porta Nigra, la porta antica meglio conservata al mondo e oggi simbolo della metropoli sulla Mosella.

Augusta Treverorum o Novaesium, Treviri o Neuss: qual è davvero la città più antica della Germania? È una domanda a cui per una volta non daremo una risposta. Sicuro è invece il fatto che già i Romani avevano elevato Treviri al rango di città, non un semplice insediamento. Imperatori romani e più tardi vescovi, principi elettori e semplici cittadini: sono loro che hanno dato forma alla città. Numerosi edifici famosi in tutto il mondo, molti dei quali sono parte del patrimonio dell'umanità dell'UNESCO dal 1986, e splendidi tesori artistici sono giunti fino ai giorni nostri e sono testimonianze vive della propria epoca. La Porta Nigra, l'anfiteatro o le famose terme imperiali, in cui i Romani amavano trascorrere il tempo libero, le rovine delle terme di Barbara, risalenti al II secolo, e tutti i ponti romani, impiegati ancora oggi come parte integrante della rete viaria della città dimostrano l'importanza e le dimensioni della città nel periodo antico. Ma anche gli edifici medievali, come il duomo di San Pietro, il più antico in Germania, o la chiesa di Nostra Signora, testimonianza del primo gotico, non passano di certo inosservati. Che la Francia non sia così lontana, lo si capisce soprattutto quando si parla di buon gusto. Gli squisiti ristoranti di Treviri offrono prelibatezze gastronomiche che non temono confronti a livello internazionale. Il tutto è accompagnato dagli ottimi vini delle regioni della Mosella, Saar e Ruwer e i viticoltori dei dintorni sono sempre molto apprezzati durante le numerose feste cittadine dedicate al vino. L'appuntamento più importante dell'anno è il Mosel WeinKulturZeit, il mese dedicato a vino e gourmet. Durante questa manifestazione in città e nei suoi dintorni vengono serviti veri e propri capolavori culinari: una buona ragione per fermarsi per un mese intero a Treviri.

Se deciderete di fare una passeggiata nel centro storico, altre tappe obbligate sono la piazza medievale, con l'edificio Steipe, che nel medioevo fungeva da municipio, la famosa Casa rossa, la chiesa di St. Gangolf, la croce del mercato, la fontana Petrusbrunnen e la vicina Judengasse, l'abbazia benedettina di St. Matthias e le torri fortificate, come la torre dei Franconi e la torre di Gerusalemme. Vi consigliamo anche di ammirare lo straordinario modello della città nel museo civico Simeonstift o di visitare il museo regionale del Reno, che espone antichi reperti e pavimenti in mosaico. Anche se i suoi sostenitori sono ormai rimasti in pochi, Karl Marx rimane uno dei più importanti pensatori e filosofi tedeschi di sempre, pertanto vale la pena visitare la sua casa natale Karl-Marx-Haus, a prescindere da qualsiasi pregiudizio ideologico. Treviri non fa rima solo con cultura e storia. Sede dell'università e di istituti superiori, la città è giovane e dinamica: un'autentica commistione di tradizione e modernità, all'insegna di uno stile di vita raffinato. In tutta la città troverete negozi, bar e ristoranti pronti ad accogliervi. I centri culturali e le discoteche di tendenza offrono un mix variegato di musica, cabaret e intrattenimento. In questo senso va menzionato soprattutto il TUFA (da Tuchfabrik, fabbrica di stoffe), un centro eventi rinomato in tutta la Germania. Inaugurato nel novembre 1985 in occasione dei festeggiamenti per i 2000 anni della città, ospita laboratori ed esibizioni di artisti attivi in diversi settori. Oggi come allora il TUFA vuole essere un centro di cultura e comunicazione aperto a tutti. Il bello di questo motto è che con "tutti" si intendono anche tutti gli ospiti della città.

Attrazioni principali delle città

Porta della città, poi chiesa ed infine monumento: la Porta Nigra, la porta nera, è la porta romana più grande e meglio conservata a nord delle Alpi e oggi simbolo della città. Come avvenne in molti altri monumenti storici, anche i costruttori della porta non riuscirono a completare la propria opera, fatto che non sorprende più tanto, se consideriamo le attrezzature tecniche di cui si disponeva in quel periodo. "Il segreto della Porta Nigra", la visita guidata da un vero centurione in abiti da parata, consente di scoprire la storia di questo straordinario monumento.

La costruzione romana più antica conservata fino ai giorni nostri è l'imponente anfiteatro, in grado di accogliere fino a 20.000 spettatori. Oggi fa da cornice a diversi concerti e, soprattutto, al festival dell'antichità. La rappresentazione delle opere di autori antichi è l'obiettivo di questa manifestazione che deve la sua ottima fama ad artisti come Sir Peter Ustinov o Hanna Schygulla. La manifestazione "Brot & Spiele" (Pane e giochi) coniuga intrattenimento e sport: gli artisti ripropongono le competizioni dei gladiatori basandosi sulle informazioni fornite dalle ricerche storiche più recenti. Tuttavia, le possibilità di sopravvivere ad uno di questi combattimenti sono assai superiori a quelle di allora!

Le imponenti rovine delle terme imperiali, con le stanze e le mura ormai sepolte, appartengono uno degli edifici più importanti dell'epoca romana scoperti a Treviri. Ancora oggi è possibile visitare le terme sopra e sotto terra, per vivere e capire la storia da vicino. A buon diritto le mura del calidarium sono diventate il simbolo della città: le terme di Treviri rappresentavano l'impianto termale più grande dell'impero, naturalmente dopo quelle di Roma. La visita guidata "Tradimento alle terme" consente ai visitatori di rivivere un'epoca quasi dimenticata, facendo un viaggio nel tempo.

Il TUFA (abbreviazione di Tuchfabrik, fabbrica di stoffe) è un centro culturale regionale che ospita anche un teatro di cabaret, costruito nell'ex fabbrica dell'azienda Weber. L'associazione Kulturwerkstatt include gruppi, band, compagnie teatrali e singoli artisti che non dispongono di sale espositive o di un palcoscenico dove esibirsi. Il Träger Tufa e.V. è un'associazione che riunisce 25 gruppi operanti in tutti gli ambiti culturali, arricchendo il programma con i propri eventi, principalmente dedicati al cabaret. Grazie a questa collaborazione gli argomenti delle manifestazioni, dei corsi e dei workshop sono sempre molto vari.

Visualizza altri